VACANZA A ZANZIBAR: COSA NON PUÒ MANCARE IN VALIGIA - Mvuvi Resort | Mvuvi Resort Zanzibar
Zanzibar, storia dell'isola | Mvuvi Resort
ZANZIBAR: STORIA DI UN’ISOLA SEMPRE IN FERMENTO
27/01/2017

VACANZA A ZANZIBAR: COSA NON PUÒ MANCARE IN VALIGIA

Finalmente la tanto agognata vacanza sta per cominciare ed è giunto il momento di raccogliere le idee e organizzare i bagagli.

Magari siete già andati a spasso fra i lunghi vicoli costellati da splendide porte intarsiate, ma se così non fosse questi consigli potrebbero risultarvi estremamente utili, quindi prendete carta e penna e preparate la check list!

Fare la valigia per zanzibar | Mvuvi Resort

Prima ancora di impacchettare i bagagli  

Per quanto riguarda i documenti, il passaporto deve avere come minimo una validità residua di 6 mesi e almeno due pagine bianche, mentre ricordatevi che per entrare bisogna essere in possesso del visto d’ingresso (del costo di 50$) il quale si può ottenere direttamente presso l’ufficio immigrazione negli aeroporti di Zanzibar, Dar es Salaam e del Kilimanjaro,

Ricordiamo che per chi arriva a Zanzibar con volo charter, va pagata in loco un’ulteriore tassa di uscita di circa 50$.

 

Soldi: prenderne e spenderne

A Zanzibar come in tutta la Tanzania le monete accettate sono sia i dollari (meglio se stampati dal 2010 in poi) che l’euro, ma l’opzione sicuramente più conveniente è lo scellino Tanzaniano, quindi se siete in vena di shopping sfrenato ma con un occhio al portafoglio, il consiglio è quello di cambiare la valuta del budget prefissato o presso la propria banca o negli appositi sportelli di cambio della città in cui vi recherete.

Se poi vi sentite particolarmente intraprendenti contrattare durante ogni vostra compera vi porterà ad un ulteriore risparmio.

Contrattare a Zanzibar | Mvuvi Resort

Prevenire è meglio che curare

La prospettiva di passare anche solo un giorno di vacanza malati tira fuori la parte ipocondriaca di ognuno di noi, quindi è meglio chiarire subito che tra le malattie endemiche più diffuse in Africa non si può non citare la malaria: essendo le zanzare una delle cause più comuni di questa malattia si consiglia di munirsi anche di apposito spray. Inoltre, al vostro rientro potreste accusare svariati sintomi influenzali, motivo per cui in generale vi consigliamo di rivolgervi al vostro medico di fiducia prima di partire.

Si consiglia di portare alcuni medicinali di base primi fra tutti quelli contro la dissenteria (ricordatevi di bere esclusivamente acqua imbottigliata ed evitate di consumare alimenti non cotti), in aggiunta munitevi di integratori per la flora intestinale che sicuramente male non fanno.

Per quanto riguarda il jetlag non preoccupatevi, durante l’ora solare lo scarto è di +2 ore, mentre durante l’ora legale è di solo +1.

Precauzioni per malattie a Zanzibar | Mvuvi Resort

 

Non dimentichiamo il Commonwealth

Probabilmente a causa della forte influenza anglosassone avuta con il Commonwealth l’inglese è la seconda lingua più parlata ma non l’unica, oltre al nativo Swahili infatti, l’italiano è molto diffuso tra la popolazione del luogo causa la grande ondata di turisti del bel paese iniziata negli anni ’90.

Forse anche per questo motivo, oltre alle diffuse prese “all’inglese” potrete trovare quelle italiane, nel dubbio il consiglio è quello di informarsi direttamente chiedendo alla struttura dove si soggiornerà.

 

Paese che vai, usanze che trovi

Zanzibar è un paese per la maggior parte musulmano e rispettarne gli usi e costumi è un dovere, motivo per cui è buona norma evitare dimostrazioni di affetto in pubblico mentre più in generale si consiglia di vestire in maniera adeguata durante le visite a templi e altre istituzioni, nello specifico le donne dovrebbero evitare gonne troppo corte, scollature, spalle scoperte ed eventuali trasparenze. Per rimanere in tema vestiario consigliamo di portare scarpe da mare vista la presenza di ricci e sassi di vario genere.

Pesci nell'oceano a Zanzibar | Mvuvi Resort

 

Bene, ora che avete chiaro tutto quello che c’è da sapere, potete iniziare a spuntare la vostra lista, magari mentre guardate questa fantastica gif perché sì, questo è ciò che vi aspetta.

Comments are closed.